PRODOTTI TIPICI Calabria

 

© 2010 prodottidopigp.it

 

 

     
     
   
   
REGIONE Calabria

 

 

Entra nel Forum e discuti con gli altri utenti sulle novità e curiosità del mondo dei prodotti DOP IGP in Italia ...

 

Prodotti DOP IGP Calabria
Guida alle Aziende produttrici DOP IGP Calabria

Forum prodotti tipici

registra la tua azienda

Prenota ora e gratuitamente la nostra guida alle aziende produttrici a marchio DOP e IGP prenota ora!

 

 

 

 

 

Prodotti DOP Calabria e IGP

Elenco dei produttori a marchio DOP IGP della Calabria. Olio DOP, Salumi, Formaggi, Cipolla, Clementina, Bergamotto.

DOP IGP Calabria
menu homepage informativa registrati contatti
area login PASSWORD DIMENTICATA login PASSWORD DIMENTICATA
registrati nel nostro database dei produttori Calabria


Capocollo di Calabria DOP


Il Capocollo di Calabria DOP è così chiamato perché ottenuto dalla lavorazione di tagli suini provenienti dalla parte superiore del lombo (collo del maiale), dove si trovano i muscoli cervicali. Si impiegano suini con peso superiore a 140 chilogrammi, che non abbiano superato il quarto mese di età, nati in Calabria, Basilicata, Sicilia, Puglia e Campania e allevati in Calabria. La carne – il cui peso prima della lavorazione deve essere compreso fra 3,5 e 4,5 chilogrammi – viene disossata e lasciata a contatto con il sale per quattro-otto giorni, quindi è lavata, asciugata e bagnata con aceto. Viene poi massaggiata e aromatizzata con pepe nero in grani, pressata, insaccata nel diaframma parietale del suino e infine legata. L’involucro viene forato per agevolare la fuoriuscita dei liquidi, quindi il salume viene messo ad asciugare in locali idonei e ben aerati; la stagionatura ha durata variabile, ma tra la salagione e la commercializzazione devono passare almeno cento giorni. Il Capocollo di Calabria ha forma cilindrica; al taglio le fette hanno colore rosso-rosato con marezzatura bianca dovuta al grasso; il profumo è complesso, aromatico e intenso; il sapore è insieme delicato e deciso, gradevolmente speziato per la presenza del pepe e, talvolta, del peperoncino. Intero si conserva per mesi, appeso in luogo fresco e asciutto; una volta affettato, va riposto in frigorifero e consumato entro breve tempo. Nell’Italia settentrionale il salume ottenuto con il medesimo taglio di carne è chiamato Coppa. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Capocollo di Calabria DOP


Pancetta di Calabria Dop


Per la produzione della Pancetta di Calabria DOP si impiegano suini – nati in Calabria, Basilicata, Sicilia, Puglia e Campania, e allevati in Calabria – che non abbiano superato il quarto mese di età e peso non superiore a 140 chilogrammi. Si tratta di una pancetta tesa, non arrotolata e di forma rettangolare, ottenuta dal sottocostato del maiale, cui viene lascia attaccata la cotenna. Il pezzo, prima della lavorazione, deve avere un peso compreso fra 3 e 4 chilogrammi e uno spessore di 3-4 centimetri. Una volta rifilata, la Pancetta di Calabria viene sottoposta a un processo di salagione che dura da quattro a otto giorni; è poi lavata e bagnata con aceto, e può essere aromatizzata con pepe nero, pepe rosso, crema di peperoni, aceto e ricoperta di polvere di peperoncino; infine viene avviata alla stagionatura, che si protrae per un minimo di trenta giorni in ambienti con temperatura e umidità idonee. Al consumo, la Pancetta di Calabria ha una superficie di colore rosso, dovuta alla presenza del peperoncino; all’interno, di tonalità rosate, si alternano parti grasse e magre. Ha profumo intenso, gusto sapido, delicatamente dolce, aromatico e talvolta pungente. Si conserva in locali freschi e asciutti e, una volta affettata, nella parte meno fredda del frigorifero, avvolta in carta per alimenti o in un panno. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Pancetta di Calabria DOP

 

Salsiccia di Calabria Dop


La Salsiccia di Calabria DOP si ottiene dalla macinazione di tagli di maiale provenienti da spalla e sottocostola, cui viene aggiunta una parte di lardo. I suini che concorrono alla sua produzione devono essere nati in Calabria, Basilicata, Sicilia, Puglia e Campania e devono avere quattro mesi di età al massimo; macellazione e trasformazione devono avvenire esclusivamente in Calabria. Il composto viene amalgamato e arricchito con sale, spezie e aromi, tra cui pepe nero e rosso; il tutto viene poi insaccato in budello suino naturale, opportunamente forato per agevolare l’asciugatura del salume e intrecciato manualmente in modo che le salsicce formino una catena. Dopo l’asciugatura ha inizio la stagionatura che dura per lo meno un mese e avviene in locali idonei. La Salsiccia di Calabria ha forma cilindrica e lunghezza compresa tra 70 e 80 centimetri; al taglio presenta fette di grana media, il cui colore, rosso e bianco, è più intenso se nell’impasto è presente il peperoncino. Ha profumo aromatico, sapore intenso, dolce, ma anche pungente e piccante per la presenza di pepe e peperoncino. Intera, si conserva appesa in locali freschi oppure sotto grasso o sottovuoto; una volta tagliata, deve essere posta in frigorifero. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Salsiccia di Calabria DOP

 


Soppressata di Calabria DOP


Salume tra i più pregiati, la Soppressata di Calabria DOP è ottenuta da tagli di suino di qualità (coscia e spalla) arricchiti da una parte di grasso (12-15%) proveniente dalla parte anteriore del lombo. Per la sua produzione si impiegano suini che non abbiano superato il quarto mese di età, nati in Calabria, Basilicata, Sicilia, Puglia e Campania e allevati in Calabria; macellazione e trasformazione devono necessariamente aver luogo in Calabria. Le carni sono dapprima macinate a grana grossa – tradizionalmente venivano tagliate a coltello – quindi amalgamate con pezzi di lardo e aromatizzate con sale e aromi come pepe rosso, pepe nero, peperoncino, semi di finocchio, cumino e peperoni. Un tempo era pratica ricorrente aggiungere anche sangue di maiale per conferire maggior colore all’impasto. Il composto viene poi insaccato in budello di suino opportunamente forato per agevolare l’asciugatura del salume. In seguito è sottoposta a pressatura mediante pesi, poi legata a mano e infine avviata alla stagionatura per un minimo di 45 giorni. Il salume ha forma cilindrica appiattita, lunghezza di circa 15 centimetri e larghezza di circa 6 centimetri. Al taglio le fette, di colore rosso punteggiato di lardo bianco, sono morbide; il profumo è speziato; il sapore è aromatico, sapido e talvolta pungente. Intera si conserva in locali freschi; sottovuoto, si mantiene a lungo; una volta affettata, va riposta in frigorifero e consumata in breve tempo. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Soppressata di Calabria DOP

 

Caciocavallo Silano DOP


Il Caciocavallo Silano DOP è un formaggio a pasta filata prodotto lungo l’intera dorsale appenninica meridionale ma tipico dell’area silano-calabrese. È ottenuto con latte vaccino scaldato a una temperatura di 36-38 °C e addizionato di caglio di vitello o di capretto per farlo coagulare. Dopo la rottura della cagliata, la massa casearia viene prima fatta spurgare, poi è lasciata maturare per tre o quattro giorni e infine viene immersa per alcune ore in acqua calda per la filatura. Seguono la formatura, la salatura in salamoia e la stagionatura, che si protrae per un periodo compreso tra quindici giorni e diversi mesi. Le forme vengono poi legate a coppie e appese a cavallo di una pertica orizzontale, da cui il nome del formaggio. Il Caciocavallo Silano può presentare forma ovoidale, sferica, a goccia o a tronco di cono, e può essere provvisto o meno di testina; è ricoperto da una crosta liscia e sottile che tende a divenire più scura, coprendosi di muffe e assumendo consistenza più compatta con il prolungarsi della stagionatura; la pasta è semidura, omogenea, bianca ed elastica in gioventù, paglierina, dura e scagliosa nelle forme stagionate; il colore tende a essere più carico in corrispondenza della crosta. Il sapore, aromatico, è dolce nel formaggio poco stagionato, intenso e talvolta pungente con l’affinamento. Se intero si conserva in cantina; una volta affettato va riposto in frigorifero e avvolto in carta per alimenti per proteggerlo dall’aria. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Caciocavallo Silano DOP

 


Olio Extravergine di Oliva Alto Crotonese DOP


Nell’area del Crotonese l’olivocoltura è attestata fin dal 2000 a.C. anche se è nell’epoca bizantina che si deve la sua capillare diffusione grazie al consistente miglioramento delle tecniche di coltivazione. Oggi prodotto nelle località di Castelsilano, Cerenzia, Pallagorio, San Nicola dell’Alto Savelli e Verzino, l’Olio Extravergine di Oliva Alto Crotonese DOP si ottiene dalla spremitura di olive appartenenti alla varietà Carolea per un minimo del 70%, mentre il restante 30% proviene da olive Pennulara, Borgese, Leccino, Tonda di Strongoli e Rossanese, utilizzate da sole o congiuntamente. La raccolta avviene entro la fine dell’anno e viene effettuata prevalentemente a mano ma anche con mezzi meccanici, prestando la massima cura a non rovinare i frutti; le olive sono poi trasportate nei frantoi in contenitori che consentono una buona ossigenazione delle drupe. La molitura avviene massimo entro due giorni dalla raccolta mantenendo la temperatura inferiore a 28 °C al fine da mantenere il più possibile le caratteristiche originarie dei frutti. Al termine della lavorazione si ottiene un olio dal colore giallo-verde, il cui profumo è vegetale, fruttato e di media intensità; il suo sapore ricorda quello delle olive fresche ed è gradevolmente delicato. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI Olio extravergine oliva alto crotonese

 


Olio Extravergine di Oliva Bruzio DOP


L’Olio Extravergine di Oliva Bruzio DOP lega il suo nome all’antica popolazione dei Bruzi. È un olio dalle calde tonalità dorate o verdognole, in cui l’acidità non supera lo 0,8%; ha odore e sapore fruttati e vegetali, con intensità e peculiarità differenti e viene commercializzato con l’indicazione della sottodenominazione dell’area di produzione. Il Fascia Prepollinica è prodotto con oliva Tondina per almeno il 50%, con l’aggiunta di Carolea e Grossa di Cassano, completate da altre varietà; ha colore verde con riflessi gialli; l’odore è mediamente fruttato; il sapore è fruttato. Con la menzione Valle Crati, ha colore che varia dal verde al giallo; odore e sapore sono mediamente fruttati. Si produce con almeno il 50% di olive Carolea, cui si uniscono Tondina, Rossanese o Dolce di Rossano e altre varietà. L’olio Colline Joniche Presilane è ottenuto per il 70% dalle varietà Rossanese o Dolce di Rossano, completate da altre tipologie; presenta colore giallo-oro con riflessi verdi; l’odore è fruttato, delicato; il sapore è fruttato, con ricordi di mandorla dolce. Il Sibaritide è prodotto con Grossa di Cassano per almeno il 70%, con l’aggiunta di Tondina ed eventualmente di altre varietà; ha colore giallo con riflessi verdini; l’odore è fruttato, leggero; il sapore è fruttato, leggero, con lieve sensazione di amaro. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Olio extravergine di oliva Bruzio DOP

 


Olio Extravergine di Oliva Lametia DOP


L’Olio Extravergine di Oliva Lametia DOP è un prodotto a bassa acidità ottenuto dalla spremitura di olive appartenenti alla cultivar Carolea presenti in misura non inferiore al 90%, eventualmente completate da altre varietà di olive coltivate localmente. Raccolte entro il 15 gennaio, le olive vengono portate nei frantoi, dove sono lavate e molite entro dodici ore dal momento della raccolta. La molitura avviene in un regime di temperatura per mantenere integre le caratteristiche originarie dei frutti. Seguono le fasi di decantazione e di filtraggio, procedimenti necessari al fine di rendere più limpido l’olio; infine si procede con l’imbottigliamento. All’atto del consumo l’Olio Extravergine di Oliva Lametia DOP si presenta di colore verde o giallo; il suo profumo è fruttato, con ricordi di olive fresche e di ortaggi di campo; il sapore è a sua volta fruttato e delicato. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Olio extravergine di oliva Lametia DOP

 


Cipolla rossa di Tropea Calabria IGP


La "Cipolla Rossa di Tropea Calabria" viene coltivata lungo la costa medio alta tirrenica calabrese, su appezzamenti assolati prospicienti il mare, che si affacciano sullo Stromboli, il leggendario vulcano delle Eolie. La particolare dolcezza, che la distingue da ogni altra varietà di cipolla, la croccantezza e la piacevolezza al palato, è un magico regalo della natura, dovuto a fattori genetici, climatici e pedologici. I suoli dove si coltiva sono di natura vulcanica, freschi e profondi, ricchi in nutrienti, specie di Potassio, studiati dai pedologi di tutto il mondo al fine di risalirne alle origini e di giustificarne la nobile composizione, responsabile della particolare fertilità. (consorziotutelacipollarossatropeacalabriaigp.com)

ELENCO PRODUTTORI di Cipolla rossa di Tropea IGP

 


Clementina di Calabria IGP


La Clementina di Calabria IGP è un agrume di piccole dimensioni, nato dall’incrocio tra arancio e mandarino, diffusosi in modo massiccio a partire dal 1950. In Calabria – grazie al clima caldo e mediterraneo che consente all’agrume di raggiungere rapidamente la giusta maturazione – viene coltivata nelle varietà Comune, Fedele, Hernandina, Marisol, Nules, Spinosa, SRA 63 e Tardiva. I frutti sono raccolti a mano tra novembre e marzo, anche se alcune varietà fruttificano già nel mese di ottobre. In seguito vengono selezionati e divisi in base alle dimensioni, quindi conservati a bassa temperatura fino al momento in cui vengono commercializzati, sfusi o confezionati. Di forma tondeggiante, la Clementina di Calabria è ricoperta da una buccia di colore arancione vivo, ricca di ghiandole che contengono oli aromatici profumati. È caratterizzata dalla scarsa presenza di semi ed è facilmente sbucciabile; ha polpa di sapore dolce e pieno, particolarmente ricca di succo. Per evitare che i diversi pollini vengano a contatto gli uni con gli altri, le piantagioni di Clementina di Calabria devono trovarsi lontano da quelle di altri agrumi. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Clementina di Calabria IGP

 


Bergamotto di Reggio Calabria DOP


Prodotto nei comuni compresi tra Villa San Giovanni e Monasterace fin dalla metà del Settecento, il Bergamotto è un agrume tondeggiante, più o meno schiacciato ai poli, caratterizzato da un aroma intenso. Dalla scorza gialla o leggermente aranciata dell’agrume si ottiene per abrasione – il procedimento avviene grattugiando la scorza in apposite macchine dette pelatrici – un olio essenziale dal profumo inconfondibile, molto ricercato in cosmesi, nel settore alimentare e in farmacopea. Tra le varietà più diffuse in Calabria vi sono Femminello, Castagnaro e Fantastico; le piante fruttificano tra novembre e marzo; una volta raccolti, i frutti vengono lavati, controllati e poi commercializzati. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Bergamotto di Reggio Calabria DOP