PRODOTTI TIPICI Puglia

 

© 2010 prodottidopigp.it

 

 

     
     
   
   
REGIONE Puglia

 

 

Entra nel Forum e discuti con gli altri utenti sulle novità e curiosità del mondo dei prodotti DOP IGP in Italia ...

 

Prodotti DOP IGP Puglia
Guida alle Aziende produttrici DOP IGP Puglia

Forum prodotti tipici

registra la tua azienda

Prenota ora e gratuitamente la nostra guida alle aziende produttrici a marchio DOP e IGP prenota ora!

 

 

 

 

 

Prodotti DOP Puglia e IGP

Elenco dei produttori a marchio DOP IGP Puglia

DOP IGP Puglia
menu homepage informativa registrati contatti
area login PASSWORD DIMENTICATA login PASSWORD DIMENTICATA
registrati nel nostro database dei produttori Puglia


Caciocavallo Silano DOP


Il Caciocavallo Silano DOP è un formaggio a pasta filata prodotto lungo l’intera dorsale appenninica meridionale ma tipico dell’area silano-calabrese. È ottenuto con latte vaccino scaldato a una temperatura di 36-38 °C e addizionato di caglio di vitello o di capretto per farlo coagulare. Dopo la rottura della cagliata, la massa casearia viene prima fatta spurgare, poi è lasciata maturare per tre o quattro giorni e infine viene immersa per alcune ore in acqua calda per la filatura. Seguono la formatura, la salatura in salamoia e la stagionatura, che si protrae per un periodo compreso tra quindici giorni e diversi mesi. Le forme vengono poi legate a coppie e appese a cavallo di una pertica orizzontale, da cui il nome del formaggio. Il Caciocavallo Silano può presentare forma ovoidale, sferica, a goccia o a tronco di cono, e può essere provvisto o meno di testina; è ricoperto da una crosta liscia e sottile che tende a divenire più scura, coprendosi di muffe e assumendo consistenza più compatta con il prolungarsi della stagionatura; la pasta è semidura, omogenea, bianca ed elastica in gioventù, paglierina, dura e scagliosa nelle forme stagionate; il colore tende a essere più carico in corrispondenza della crosta. Il sapore, aromatico, è dolce nel formaggio poco stagionato, intenso e talvolta pungente con l’affinamento. Se intero si conserva in cantina; una volta affettato va riposto in frigorifero e avvolto in carta per alimenti per proteggerlo dall’aria. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Caciocavallo Silano DOP

 

Canestrato Pugliese DOP


Il Canestrato Pugliese è un formaggio a pasta dura ricavato dalla lavorazione del latte di pecora. Quest’ultimo viene scaldato e addizionato di caglio di agnello; la cagliata, rotta in piccoli grani, è poi pressata in canestri di giunco, da cui il nome del formaggio, e asciugata dal siero in eccesso. La lavorazione si conclude con la salatura, tramite immersione in salamoia delle forme, e la stagionatura, che si protrae per un periodo variabile dai due ai dieci mesi. Si presenta con forma cilindrica e peso variabile dai 7 ai 14 chilogrammi. La crosta, dura, spessa e di colore più o meno scuro, appare segnata dalla pressatura nei canestri; la pasta, paglierina e compatta, è dotata di profumo intenso e persistente, mentre il sapore si fa più pungente con il prolungarsi della stagionatura. Si conserva in ambienti freschi e asciutti. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Canestrato Pugliese DOP

 

Olio Extravergine di Oliva Collina di Brindisi DOP


La produzione di quest’olio si concentra nelle otto città identificate come i centri storici di produzione: Carovigno, Ceglie Messapica, Cisternino, Fasano, Ostuni, San Michele Salentino, San Vito dei Normanni e Villa Castelli. Le olive che ne concorrono alla formazione appartengono prevalentemente alle varietà Ogliarola, detta anche Chiarita, completata dalle varietà Cellina, Nardò, Coratina, Frantoio, Leccino e Picholine. I frutti sono raccolti a mano direttamente dall’albero e avviati alla molitura entro due giorni dalla raccolta. Dalla spremitura si ottiene un olio di colore verde o verde dorato; l’odore è fruttato ed erbaceo; il sapore è dolce e delicato, leggermente piccante, con un fondo amarognolo appena accennato. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Olio Extravergine di Oliva Collina di Brindisi DOP

 


Olio Extravergine di Oliva Dauno DOP


Prodotto prevalentemente con olive della varietà Peranzana, Coratina, Ogliarola Garganica e Rotondella, quest’olio viene commercializzato con una delle seguenti sottodenominazioni: Alto Tavoliere, Basso Tavoliere, Gargano e Sub-Appennino. Tutti presentano colore dal verde al giallo; l’Alto Tavoliere ha odore intenso, mediamente fruttato, con sensazioni erbacee e floreali, e sapore dolce, fragrante con retrogusto mandorlato. Il Basso Tavoliere, particolarmente denso, possiede odore intenso, erbaceo, fruttato e sapore dolce, con una decisa sensazione di piccante e di amaro e tipico retrogusto di carciofo. Il Gargano, invece, ha odore netto di oliva, mediamente fruttato e sapore dolce con fondo mandorlato. La tipologia Sub-Appennino, infine, presenta odore fruttato medio con sentori netti di oliva e di frutta fresca, e sapore fruttato. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Olio Extravergine di Oliva Dauno DOP

 


Olio Extravergine di Oliva Terre d'Otranto DOP


L’Olio Extravergine di Oliva Terra d’Otranto si ricava da olive delle varietà Cellina di Nardò e Olearola, lavorate con mezzi fisici e meccanici entro due giorni dalla raccolta. Di colore verde oppure giallo con riflessi verdi, quest’olio ha profumo fruttato, con sentori di foglia. Il gusto, anch’esso fruttato, è leggermente piccante e amarognolo, impreziosito da note aromatiche. In tavola dà sapore alla tipica cucina locale: pesce alla griglia, zuppe, legumi e verdure, insalate e primi piatti asciutti a base di pasta. (corrieredellasera)

 

ELENCO PRODUTTORI di Olio Extravergine di Oliva Terre d'Otranto DOP

 

Olio Extravergine di Oliva Terre di Bari DOP


Alla produzione di quest’olio concorrono principalmente olive appartenenti alle varietà Ogliarola e Coratina. Se le prime presentano dimensioni ridotte e conferiscono all’olio un sapore dolce e delicato, le seconde, di calibro maggiore, vi infondono aromi più intensi e fruttati e un’accentuata nota amarognola. Si commercializza con l’indicazione di una delle seguenti sottodenominazioni: Castel del Monte, Bitonto e Murgia dei Trulli e delle Grotte. Con la menzione geografica Castel del Monte presenta colore verde dotato di riflessi gialli, odore intensamente fruttato e sapore fruttato con sensazione media di amaro e piccante. Il Bitonto, dal colore verde-giallo, ha odore fruttato medio e sapore fruttato con sensazione di erbe fresche e leggero sentore di amaro e piccante. Il Murgia dei Trulli e delle Grotte ha invece colore giallo oro con riflessi verdi; l’odore è fruttato leggero, il sapore è fruttato con sensazione di mandorle fresche e lieve nota di amaro e piccante. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Olio Extravergine di Oliva Terre di Bari DOP

Olio Extravergine di Oliva Terre Tarentine DOP


Tutta la zona di produzione è ben esposta a sud e protetta a nord dalle Murge per cui gode di un clima mite favorevole alla coltivazione dell’ulivo. La pianta è qui presente da millenni, ma i primi a coltivarla furono i Messapi insediatisi nel primo millennio a.C. Non è dunque un caso se in alcune grotte locali siano stati rinvenuti resti di macine e presse del periodo precristiano.

L’Olio Extravergine delle Terre Tarantine si ottiene prevalentemente da olive appartenenti alle varietà Leccino, Coratina, Ogliarola e Frantoio. Le olive vengono raccolte a mano direttamente dalla pianta e devono essere trasferite al frantoio nel corso della stessa giornata. Qui, dopo essere state opportunamente stoccate, vengono frante entro 72 ore dall’arrivo. Dalla spremitura si ottiene un olio di colore giallo-verde dotato di sapore fruttato con fondo amarognolo e gradevolmente piccante. (corrieredellasera)

ELENCO PRODUTTORI di Olio Extravergine di Oliva Terre Tarentine DOP

 

 

ORTOFUTTA CEREALI e PANE

Clementine del Golfo di Taranto IGP

ELENCO PRODUTTORI

La Bella della Daunia DOP

ELENCO PRODUTTORI

Pane di Altamura DOP

ELENCO PRODUTTORI